Questa mattina e’ iniziata la nostra avventura in Normandia. Atterrati all’aeroporto di Beauvais verso le 8, abbiamo ritirato la macchina per puntare verso la costa diretti a Dieppe. Come primo giorno ho scelto un itinerario sufficientemente leggero per consentirci di smaltire la partenza (aereo alle 6 da Bergamo significa partite molto…molto presto…).

Sono circa 100 km e tutto intorno panorami bucolici, con strade silenziose che passano dritte tra distese di alberi, campi coltivati e pigri corsi d’acqua.

Le cittadine che incrociamo nel nostro andare sono intime e raccolte intorno a chiese millenarie dai campanili aguzzi. E le case, basse, fiorite e dai tetti spioventi. Superiamo Forges-les-Eaux, Neufchatel-en-Bray e arriviamo al castello di Mesnieres-en-Bray, che merita una sosta anche per il suo aspetto esteriore (pieno rinascimento).

Abbiamo prenotato la stanza per la notte a Marie-Eglise, un piccolo comune a 3 km dalla costa; prima di proseguire, tappa qui e sosta relax.

Le nuvole ombrose del mattino si sono disperse, il cielo e’ terso e partiamo alla volta della costa. Plage de Puys, teatro dello sbarco di un contingente canadese nel ’42, per arrivare finalmente a Dieppe con il porto punteggiato di brasserie e locali dove mangiare pesce fresco a prezzi “onesti”, la chiesa di St-Jacques con le sue geometrie armoniose e la lunga spiaggia.

Vi consiglio la vista dal punto panoramico sopra al Castello, lo sguardo che abbraccia lo skilyne cittadino incorniciato da falesie d’alabastro vale la fatica della ripida salita!

Per leggere un racconto più approfondito su Dieppe seguimi su www.ilturista.info