La giornata inizia con la visita di Rennes e del suo centro storico. Sono le 9 e la città è ancora poco animata e molti negozi ancora chiusi. Risaliamo da rue St-George al quartiere della Cattedrale St-Pierre passando per la maestosa Place de la Marie. A colpirmi però sono soprattutto il cuore medievale della città e le case a graticcio che ancora si vedono su rue du Chapitre e rue St-Yves.

Da Rennes riprendiamo la strada per ammirare un ultimo gioiello in terra bretone, il Castello di Fougères, un’imponente fortezza d’impianto medievale. Dai bastioni si gode una bella vista sulla città mentre per un bel colpo d’occhio sul castello consiglio i giardini della chiesa di St-Leonard nella città alta.

Prima di ripartire ci fermiamo ad assaggiare una specialità tutta bretone, la crêpe o galette, fatta di grano saraceno -sarrasin in bretone.

Da Fougères ci spostiamo verso Alençon, i paesaggi sono quelli del “bocage” normanno, con appezzamenti delimitati da siepi e filari d’alberi che disegnano la campagna. Lungo la strada, si susseguono centri ridenti affacciati su fiumi o specchi d’acqua come Ernée e Moyanne.

Proseguiamo oltre Sées alla ricerca di un ultimo castello da fiaba: il Chateau d’O, poche le indicazioni per arrivarci e non si visita… ma dal cancello d’entrata sembra proprio una dimora da sogno.