Questa mattina puntiamo verso Saint-Malo per un assaggio di Bretagna prima di iniziare il rientro verso Beauvais.
La cittadella intra muros è davvero suggestiva, camminiamo tra le stradine alla volta della cattedrale, lungo le mura e i bastioni esterni per godere di uno scorcio dell’ île du grand bé, un’isoletta rocciosa che durante la bassa marea è raggiungibile anche a piedi.

La vista della baia potrebbe essere molto più suggestiva, si scorgono spiagge e insenature spettacolari ma il tempo è davvero poco amichevole, sembra quasi ci sia la nebbia e rinunciamo a proseguire lungo la costa per Cap Frehel come avevo pianificato.

Puntiamo verso il castello di Josselin, in piena terra bretone con una deviazione importante (sono circa un centinaio di chilometri) ma ne vale la pena. Il castello è uno dei più imponenti della Bretagna, adagiato sulle sponde dell’Oust, eretto come roccaforte della dinastia dei Rohan, domina il vicino villaggio.  Stili differenti ne caratterizzano l’architettura frutto delle diverse ricostruzioni subite: impronta medievale, stampo rinascimentale e elementi di gotico fiammeggiante. Di proprietà privata, è accessibile solo con visite guidate (la guida è spiritosa e molto coinvolgente nelle spiegazioni).

Facciamo rotta verso Rennes per la notte, sperando di vederla domani “baciata dal sole”.