Ormai mancano due giorni al nostro rientro in Italia e di chilometro in chilometro ci avviciniamo a Parigi.

La nostra sistemazione per la sera è prevista a Évreux ma per andarci decidiamo di passare da Chartres e vedere la sua splendida Cattedrale. Lunga 130 metri, questo gioiello dichiarato Patrimonio Unesco dell’Umanità, si scorge già da fuori città. Quasi mistico nella sua bellezza, presenta dettagli, intagli e architetture gotiche destinate a restare impresse nella memoria.

Sono ben 172 le vetrate istoriate della Cattedrale, quelle più pregevoli le 3 sotto il rosone principale, famose per l’intensità del blu (blu di Chartres appunto).

350 gli scalini per salire sul Clocher Neuf, ne ho contati 295 nella discesa …ma per la verità iniziava a girarmi la testa.
All’interno della Cattedrale è custodito un pezzo di seta, il Santo Velo che la Madonna indossava quando diede alla luce Gesù.

L’altra tappa della giornata è la piacevole cittadina di Les Andelys, costituita da due nuclei distinti e adagiata sulle rive della Senna.
La cittadina è incantevole e la salita alle rovine del castello Gaillard regala una bella vista sull’abitato e l’ansa quieta del fiume.